La Chiesa della Confraternita di San Giovanni, detta “La Misericordia”, risale nella sua forma primitiva al 1681 ma venne ampliata già

nel 1733 per far fronte ai numerosi aderenti all’omonima confraternita che si occupavano dei carcerati e dei condannati a morte. Non è un caso quindi che si situi lungo la via che dalla Casa Comunale conduceva al castello, ossia il luogo dove avvenivano le esecuzioni. Di particolare interesse il campanile del 1750 ed una tela del 1580 rappresentante la decapitazione di San Giovanni Battista.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offriti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie Maggiori informazioni.

  Accetto l'uso dei cookies da questo sito.